Bonus cultura: 500 euro per ogni diciottenne che scarica l’App

Come richiederlo? Come spenderlo? Il Governo ha annunciato la data di partenza e spiegato come funzionerà l’elargizione e la spesa dei soldi.

di piero81 13 settembre 2016 10:31
Arriva il “bonus cultura”, incentivo approvato dal DL Scuola per i nati nel 1998 che diventano maggiorenni nel 2016. Il Governo ha annunciato la data di partenza e spiegato come funzionerà l’elargizione e la spesa dei soldi. Anche se le novità in merito al bonus sono in via di aggiornamento, la maggior parte dei dettagli sono stati ufficializzati.
Apple

I 500 euro concessi ai neo maggiorenni, attesi già negli scorsi mesi del 2016, potranno essere spesi per l’acquisto di libri scolastici e di lettura; visite alle mostre, ai musei e alle aree archeologiche; biglietti per il cinema, le fiere, i concerti e il teatro.

L’iniziativa è volta ad aiutare soprattutto le famiglie con reddito basso che non fanno rientrare quasi mai nel bilancio le spese dedicate alle attività culturali dei figli.

La novità è l’estensione dell’incentivo ai 18enni stranieri residenti in Italia in possesso di regolare permesso di soggiorno in corso di validità. Dopo una iniziale negazione, quindi, anche i nati nel 1998 non italiani potranno accedere al bonus. Vediamo ora quando entra in vigore il bonus per i 18enni e le modalità in cui avviene l’accredito e la spesa dei soldi.

Entrata in vigore e app

Il bonus 500€ diciottenni è operativo dal 15 settembre 2016 e fruibile attraverso l’apposita applicazione chiamata18app. Attraverso questa piattaforma digitale i ragazzi potranno spendere i 500€ per cultura e spettacoli, ma solo quelli convenzionati con l’iniziativa. Il tutto verrà gestito in maniera autonoma e immediata dai giovani.

Per usare l’app del bonus 500 euro diciottenni bisognerà registrarsi e, una volta forniti i dati richiesti, scaricare l’app per smartphone o tablet messa a punto dal Governo e funzionale a partire dall’entrata in vigore del bonus. La piattaforma funzionerà da sorta di marketplace digitale da cui sarà facile e intuitivo consultare i voucher e procedere con gli acquisti di libri (anche non scolastici) e biglietti direttamente tramite shop online.

Qui i ragazzi potranno consultare gli eventi e le strutture convenzionati e decidere a quali partecipare tra le proposte del circuito. Ad ogni acquisto l’app aggiornerà in automatico il saldo disponibile del bonus fino a esaurimento del denaro.

Come richiederlo e spenderlo

Abbiamo visto quando sarà operativo il tanto atteso e discusso bonus cultura concesso dal Governo ai diciottenni, ma vediamo ora nel dettaglio come richiederlo e come spenderlo.

Per scegliere quali libri o biglietti acquistare, bisogna registrarsi in uno dei provider abilitati a scelta tra:

  • Poste Italiane
  • Aruba
  • Tim
  • Infocer
  • Sielte

In tal modo si avrà accesso a Spid, ovvero il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale che consente agli utenti di essere riconosciuti dallo Stato. A questo punto non resterà che scaricare gratuitamente l’app 18app dal sitowww.18app.it, App Store o Google Play.

Inserendo i propri dati Spid gli utenti potranno entrare nel sistema e visualizzare i 500 euro messi a disposizione a partire dal giorno del loro 18° compleanno e fino alla fine del 2017. Gli acquisti avverranno in forma digitale oppure presso negozi fisici, mostrando all’esercente il qr code o il bar code per il ritiro dell’acquisto effettuato sull’app.

I ragazzi avranno tempo fino al 31 dicembre 2017 per spendere la somma accreditata: in pratica potranno fare spese culturali per tutto l’anno della maggiore età. La scelta delle attività culturali a cui partecipare non dovrebbe essere libera ma vincolata alle offerte presenti sull’app. I 500€ potranno comunque essere spesi in biglietti per il cinema, teatro, libri, musei, gallerie d’arte, musica, DVD, ingresso ai parchi naturali e ai siti archeologici.

Non sarà possibile scaricare film o musica perché lo scopo del Governo è quello di incentivare le attività dal vivo come ad esempio le rappresentazioni teatrali e i concerti.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti