Tirocini retribuiti per Mediatori europei: al via le domande

La retribuzione sarà pari a 1.400 euro mensili.

di piero81 24 agosto 2016 7:50

Un’ottima opportunità per tutti coloro i quali sono laureati in legge e desiderano fare un’esperienza all’interno di un ufficio dell’UE. Bruxelles ha avviato le domande per effettuare tirocini retribuiti e svolgere nelle sedi di Strasburgo e Bruxelles il ruolo di mediatore europeo. Vale dunque la pena conoscere quelli che sono i requisiti richiesti ai candidati e le modalità per inviare la propria domanda di partecipazione.

eu puzzle

Tirocinio Mediatore Europeo: i requisiti

Per presentare domanda di ammissione i candidati devono possedere i seguenti requisiti:

  • essere cittadino di uno Stato membro dell’UE;
  • essere in una fase avanzata di formazione professionale o di ricerca in Diritto Comunitario;
  • essere laureati in Giurisprudenza;
  • avere conoscenza approfondita di una delle lingue ufficiali dell’Unione europea quali inglese e francese.

Domanda, durata e retribuzione

Come è specificato sul sito ufficiale, le domande devono essere presentate unitamente alla documentazione necessaria esclusivamente in lingua inglese. Gli stage hanno una durata minima di 4 mesi ma possono coprire un periodo massimo di 12 mesi complessivi. É prevista una retribuzione compresa tra i 1.200 e i 1.400 euro.

I tirocini iniziano ogni anno:

  • il 1 settembre con candidature entro il 30 aprile;
  • il 1 gennaio con candidature entro il 31 agosto.

Chi è il mediatore europeo?

Il Mediatore Europeo é una figura istituzionale comunitaria che svolge indagini su denuncie di cattiva amministrazione quali:

  • comportamento sleale;
  • discriminazione;
  • abuso di potere;
  • mancanza di informazioni o rifiuto di fornirle;
  • ritardi ingiustificati;
  • irregolarità amministrative.

Le denuncie al mediatore europeo vengono presentate:

  • da parte delle istituzioni UE;
  • da altri organi dell’UE;
  • da cittadini o residenti dei paesi dell’UE;
  • da associazioni o aziende con sede nell’UE.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti