Amazon dice stop allo smart working?

di Valentina Cervelli 31 Agosto 2023 10:26

Amazon dice stop allo smart working? In realtà aveva già iniziato lo scorso maggio. A quanto pare la situazione per i lavoratori è nettamente peggiorata.

Importante una gestione corretta

L’azienda fondata da Jeff Bezos sta chiedendo ai suoi dipendenti di lavorare in presenza almeno tre giorni a settimana. Per quanto un approccio di lavoro ibrido come questo potrebbe divenire funzionale a entrambe le parti va detto che la richiesta della società non è poi così esagerata.

A causa della pandemia di coronavirus diverse grandi aziende si sono dovute affidare allo smart working con risultati ottimali, data la situazione. Quelle che non presentavano particolari problemi di logistica nell’abbracciare il lavoro ibrido hanno raggiunto ottimi risultati in questi mesi. Mantenendo di conseguenza questo approccio senza alcun problema.

In alcuni casi però può rappresentare sul lungo termine un calo della produttività, soprattutto se non si seguono le regole base. Quando su cinque giorni lavorativi non si assicura la presenza ad almeno tre, è comprensibile che la società abbia qualcosa da ridire.

Tutti in presenza, l’era dello smart working è finita. Ora bisogna adempiere ai propri doveri”.  Da quel che è possibile evincere il ceo di Amazon Andy Jassy ha scelto la linea dura. E non stupisce, leggendo ciò che il Financial Times riporta a riguardo.

Dal primo maggio è stata adottata la policy del lavoro in presenza per almeno 3 giorni su cinque. Alcuni dipendenti non hanno recepito il messaggio di Amazon, ed hanno continuato a lavorare in smart working anche per tutto il tempo.

Amazon e lo smart working oggi

amazon sospesa in francia

A coloro che non hanno rispettato le regole è stata inviata una email di richiamo. “Ci aspettiamo che tu inizi a recarti in ufficio per tre o più giorni a settimana”, si legge nel messaggio. Invito recapitato a coloro che negli ultimi due mesi non hanno timbrato il cartellino in azienda almeno tre giorni a settimana.

Amazon non si staglia totalmente contro il telelavoro, ma vuole che i suoi dipendenti lavorino in presenza almeno tre giorni e che avvertano il proprio responsabile quando non lo fanno.

Andando indietro nel tempo è possibile vedere come gli stessi lavoratori in alcuni casi si siano lamentati dello smart working mentre altri lo hanno abbracciato senza problemi. Questo tipo di lavoro ibrido può essere conveniente per tutti. A patto che sia gestito correttamente.

La storia di Amazon è emblematica di un equilibrio che si fa fatica a trovare. Riportando il settore indietro nel tempo con tutte le conseguenze che questo comporta.

Tags: amazon
Commenti
  • Cos’è un Real-Time Operating System (RTOS) e Come Funziona?
    Il digitale è ciò che sta facendo evolvere il mondo e l’umanità. È l’attuale rivoluzione, che sicuramente segnerà la storia e porterà a vivere in un contesto sempre più tecnologico ed efficiente. Tali strumenti sono considerati essenziali, ad oggi, soprattutto per la loro precisione e affidabilità, e in questo contesto i Real-Time Operating Systems (RTOS) […]
  • Moda, occupazione in crisi?
    L’occupazione nel mondo della moda è in crisi? La risposta è positiva. Soprattutto per quel che concerne i grandi brand dove negli ultimi mesi sono occorsi diversi licenziamenti per poter rientrare in regime. Crisi occupazionale nel settore della moda In un momento in cui Federmoda fa sapere che l’aver scelto una data unica per i […]
  • Ita, via libera a fusione con Lufthansa
    Ita ottiene finalmente il via libera dall’Unione Europea per la sua fusione con Lufthansa. Una situazione che sembrava essere in pericolo nei mesi scorsi si è risolta positivamente, concedendo la possibilità di chiusura dell’accordo tra le parti. Cosa succede ora con Ita Come già si sa Ita Airways cederà il suo 41%, per il momento, […]