Entro il 2015, 2600 assunzioni per ENI

La nota azienda che si occupa di energia ha intenzione di ampliare ulteriormente il proprio organico e prevede mega-assunzioni entro 4 anni.

di Elena Arrisico 10 Novembre 2012 8:05

ENI (Ente Nazionale Idrocarburi) è in cerca di nuovo personale da assumere in tutto il territorio italiano. L’azienda – che si occupa della produzione e della distribuzione di energia, come petrolio, gas naturale ed energia elettrica – ha dato notizia, proprio in questi giorni, di un piano di investimenti che porterà dei notevoli cambiamenti per quanto riguarda l’occupazione: sono 2600 le assunzioni che si prevedono entro il 2015.

In un’intervista al Corriere della Sera, l’amministratore delegato di ENI, Paolo Scaroni, ha parlato di nuovi posti di lavoro, aggiungendo che sono previste 2600 assunzioni entro 4 anni:

Siamo il gruppo che investe di più nel Paese e continueremo a farlo: 2 miliardi l’anno fino al 2015 ed in 4 anni sono previste 2600 assunzioni“.

Ha dichiarato Scaroni. ENI, infatti, ha assunto circa 4 mila persone nel periodo che va dal 2008 al 2011, fra cui si contano 3 mila giovani laureati. Un’ottima occasione, dunque, per chi volesse fare carriera nel settore dell’energia e, soprattutto, in un’azienda che conta circa 80 mila dipendenti in 79 paesi.

Le numerose offerte di lavoro che la multinazionale propone sono consultabili andando sul sito web dell’ENI, dove è anche possibile registrare il proprio curriculum vitae nell’apposito form.

Tags: energia · eni · italia
Commenti
  • Cos’è un Real-Time Operating System (RTOS) e Come Funziona?
    Il digitale è ciò che sta facendo evolvere il mondo e l’umanità. È l’attuale rivoluzione, che sicuramente segnerà la storia e porterà a vivere in un contesto sempre più tecnologico ed efficiente. Tali strumenti sono considerati essenziali, ad oggi, soprattutto per la loro precisione e affidabilità, e in questo contesto i Real-Time Operating Systems (RTOS) […]
  • Moda, occupazione in crisi?
    L’occupazione nel mondo della moda è in crisi? La risposta è positiva. Soprattutto per quel che concerne i grandi brand dove negli ultimi mesi sono occorsi diversi licenziamenti per poter rientrare in regime. Crisi occupazionale nel settore della moda In un momento in cui Federmoda fa sapere che l’aver scelto una data unica per i […]
  • Ita, via libera a fusione con Lufthansa
    Ita ottiene finalmente il via libera dall’Unione Europea per la sua fusione con Lufthansa. Una situazione che sembrava essere in pericolo nei mesi scorsi si è risolta positivamente, concedendo la possibilità di chiusura dell’accordo tra le parti. Cosa succede ora con Ita Come già si sa Ita Airways cederà il suo 41%, per il momento, […]