Lavoro? Cresce grazie alla transizione ecologica

di Valentina Cervelli 15 Febbraio 2024 11:09

Il lavoro? Cresce grazie alla transizione ecologica. La stessa che punta alla decarbonizzazione e che in alcuni ambiti sembra essere ostacolata da leggi non ancora all’avanguardia. Cerchiamo di capire meglio cosa sta succedendo.

Lavoro e transizione ecologica, rapporto a due marce

Quando si parla di occupazione e lavoro il comparto sembra essere in crisi. La questione reale è che al netto di remunerazioni non adeguate offerte da alcuni interlocutori, in realtà diverse aziende non riescono a far fronte al bisogno di copertura di posizioni specializzate perché mancano i professionisti necessari.

Insomma, la transizione ecologica aprirebbe nuove opportunità lavorative ma non vi sarebbero persone abbastanza preparate per poter affrontare questa sfida. Secondo uno studio dedicato a livello mondiale solo una persona su otto possederebbe le caratteristiche necessarie. E l’Italia, purtroppo, è fanalino di coda anche in questo.

Ce lo spiega il report Building Competitive Advantage with A People-First Green Business Transformation presentato al World Economic Forum di Davos. Sottolineando anche che man mano questo percorso aprirà milioni di nuove opportunità lavorative che potranno essere colmate con una più dedicata formazione.

Purtroppo al momento ci si trova davanti a un cane che si morde la coda perché, pur essendoci le opportunità, non vi è abbastanza formazione in tal senso. Al momento il 70% delle aziende punterebbe all’assunzione di personale per i green jobs, soprattutto nei servizi pubblici e nell’energia. Lo stesso vorrebbero fare nell’IT e nei servizi finanziari.

Necessita di formare il personale

Opportunità di lavoro in tal senso sono aperte in moltissimi altri settori. Data anche la necessità di adeguare il lavoro e la produzione alla transizione ecologica. Dati alla mano però, questo bisogno necessiterebbe dell’aggiornamento del 60% degli attuali professionisti.

E non si investe ancora efficacemente nella formazione. Come già sottolineato l’Italia, e insieme a lei anche la Spagna e la Germana sono tra i paesi con maggiori carenze di competenze. Di contro la transizione verde sembra lavorare a favore dell’occupazione femminile. Sono infatti le donne attualmente più preparate in questo ambito.

Tra le figure più ricercate attualmente vi sono tecnici manutentori, ingegneri delle infrastrutture e civili e progettisti di impianti. Anche gli installatori di fotovoltaico sono molto richiesti. Dobbiamo però sottolineare ancora una volta che le competenze scarseggiano.

E di conseguenza si necessita di investimenti nella formazione. La quale potrebbe essere condotta direttamente dalle aziende sia per quel che concerne i suoi dipendenti, sia per quel che riguarda coloro che devono essere assunti.

In questo modo vi sarebbero non solo più posti di lavoro garantiti ma anche un miglioramento generale delle prestazioni.

Tags: italia
Commenti
  • Stellantis vuole lasciare l’Italia?
    Stellantis vuole davvero rimanere in Italia? Più volte è stato ribadito che il nostro paese rimane una delle posizioni strategiche del marchio. Il problema? Rimane sempre lo stesso: i fasti della vecchia Fiat sembrano essere decisamente lontani. Stellantis e le uscite volontarie La situazione attuale vede i sindacati schierati da una parte e l’azienda dall’altra […]
  • Smart working, finite le proroghe per i fragili
    Cambia anche lo smart working dal 1° aprile. O meglio cambiano le modalità d’accesso allo stesso perché lo scorso 31 marzo sono scadute le deroghe previste dal periodo pandemico. Cosa accade allo smart working Si trattava di regole che rendevano più semplice richiedere questo specifico approccio al lavoro. Sebbene sia comprensibile dato il cambiamento della […]
  • Al via SACE Flex4Future: insieme verso il lavoro del futuro
    SACE inaugura Flex4Future, un progetto pionieristico destinato a ridefinire il futuro del lavoro attraverso l’introduzione di un modello lavorativo flessibile, basato sulla fiducia reciproca e sull’autonomia dei dipendenti. Questa innovazione fa di SACE la prima entità statale italiana a promuovere un approccio così rivoluzionario, prevedendo tra l’altro l’abolizione dei controlli di presenza e l’adozione di […]