Leonardo, crescono utili e ricavi

di Valentina Cervelli 2 Marzo 2024 9:43

Crescono utili e ricavi per Leonardo. Il gruppo ancora una volta ha fatto registrare una performance importante. E secondo alcuni analisti non sarebbe finita qui.

I risultati preliminari del 2023 per Leonardo

La ragione starebbe nel fatto che, anche non tenendo conto dei numeri, il gruppo Leonardo sarebbe stato in grado di intercettare il settore di investimento più prolifico al momento. Numeri alla mano è stato infatti in grado di far registrare un aumento dei ricavi pari al 3,9% per un totale di 15,3 miliardi e una crescita dei profitti prima di interessi, tasse e ammortamenti pari al 5,8% raggiungendo gli 1,3 miliardi di euro.

Si parla di risultati preliminari. E come sottolineato da una nota pubblicata dal gruppo Leonardo i dati raccontano di un’ottima performance del gruppo che ha consentito a seconda dei casi il raggiungimento o il superamento degli obbiettivi prefissati. I numeri parlano di un valore degli ordini che sale per Leonardo del 3,8% a 17,9 miliardi con un indebitamento netto che cala del 23% rispetto al 2022, fermandosi a 2,3 miliardi.

Come sottolineato dall’amministratore delegato Roberto Cingolani, alla base dei risultati raggiunti vi sono la flessibilità finanziaria, un andamento commerciale sostenuto nei diversi settori. Ma anche una politica ben precisa e ordinata applicata agli investimenti e ai costi.

Risultati quelli del gruppo Leonardo apprezzate anche dalle principali agenzie di rating, che hanno portato a un buon giudizio di investment grade.

Quando chiamiamo in causa la scelta di investimenti adeguati è impossibile non pensare che ai buoni risultati abbia contribuito anche la situazione geopolitica mondiale. Non si può infatti ignorare l’effetto della guerra in Ucraina che ha spinto molti paesi in Europa a un riarmo.

Settore di investimento particolarmente florido

Non dobbiamo dimenticare che Leonardo è uno dei principali gruppi della difesa al mondo e, al pari dei suoi altri corrispettivi europei e statunitensi, sta vivendo un particolare periodo florido. Anche l’andamento in Borsa del titolo riflette il momento ottimale del gruppo.

Il prezzo delle azioni Leonardo è infatti quasi raddoppiato nell’ultimo anno con un incremento dell’84%. E data l’attuale situazione e le dichiarazioni degli ultimi tempi è possibile preventivare ulteriori profitti per la società e le sue corrispondenti nel mondo.

È quindi possibile aspettarsi numeri ancora più importanti nel 2024. Quel che è certo è che parliamo di una realtà molto radicata a livello occupazionale. E il periodo florido che sta vivendo di certo “blinda” in qualche modo il lavoro dei suoi dipendenti.

Qualcosa suggerisce che difficilmente potranno esserci problematiche occupazionali per il gruppo sul breve o medio termine.

Tags: lavoro
Commenti
  • Stellantis vuole lasciare l’Italia?
    Stellantis vuole davvero rimanere in Italia? Più volte è stato ribadito che il nostro paese rimane una delle posizioni strategiche del marchio. Il problema? Rimane sempre lo stesso: i fasti della vecchia Fiat sembrano essere decisamente lontani. Stellantis e le uscite volontarie La situazione attuale vede i sindacati schierati da una parte e l’azienda dall’altra […]
  • Smart working, finite le proroghe per i fragili
    Cambia anche lo smart working dal 1° aprile. O meglio cambiano le modalità d’accesso allo stesso perché lo scorso 31 marzo sono scadute le deroghe previste dal periodo pandemico. Cosa accade allo smart working Si trattava di regole che rendevano più semplice richiedere questo specifico approccio al lavoro. Sebbene sia comprensibile dato il cambiamento della […]
  • Al via SACE Flex4Future: insieme verso il lavoro del futuro
    SACE inaugura Flex4Future, un progetto pionieristico destinato a ridefinire il futuro del lavoro attraverso l’introduzione di un modello lavorativo flessibile, basato sulla fiducia reciproca e sull’autonomia dei dipendenti. Questa innovazione fa di SACE la prima entità statale italiana a promuovere un approccio così rivoluzionario, prevedendo tra l’altro l’abolizione dei controlli di presenza e l’adozione di […]