Meta, primi tagli di personale

di Valentina Cervelli 3 Ottobre 2022 10:59

Meta esegue i primi tagli di personale: si tratta della prima volta in 18 anni che Mark Zuckerberg provvede al licenziamento dei lavoratori nella propria società.

Meta in calo rispetto al passato

Qualcosa che porta a chiederci se i tempi d’oro del social network più famoso del mondo, ora divenuto espressione di concetto di metaverso, siano finiti. Negli ultimi anni abbiamo visto diverse volte la società alle prese con problematiche economiche e non di diversa tipologia. Criticità che per quanto abbiano scosso l’andamento della stessa non avevano mai causato prima di adesso la necessità di eseguire tagli al personale.

Il rebranding da Facebook a Meta non è stato privo d’incertezze. E forse proprio in questo cambiamento dell’obiettivo societario è possibile riscontrare parte delle problematiche che hanno portato Mark Zuckerberg a decidere, per Meta, un taglio del personale.

Per quanto mantenga un ottimo fatturato rispetto ad altre società, Meta deve combattere con la concorrenza serrata e spesso vincente di Tik Tok. Il social network di origine cinese ha infatti dimostrato di essere in grado di seguire e sostenere le tendenze in modo più agevole e di successo. Questo si traduce in un calo di guadagni per l’azienda di Mark Zuckerberg che purtroppo si trova a dover correre ai ripari.

Ciò non toglie che sentire parlare di tagli di persone in una società del genere lasci perplessi. A prescindere dal fatto che si tratti della prima azione di questo genere, lo ripetiamo, in 18 anni.

Perché è avvenuto il taglio del personale

Mark Zuckerberg dal canto suo non ha mai nascosto i problemi ai propri dipendenti, avendo con loro delle riunioni settimanali in tutti questi anni. E la stretta sul personale è la soluzione che è stata trovata al momento per venire incontro ha il problema di un “fatturato per la prima volta piatto o leggermente in calo“.

Il taglio di personale di Meta trova giustificazione nel calo dell’1% dei ricavi dell’azienda nel secondo trimestre del 2022 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Esso dipende dai tagli alle spese pubblicitarie che per anni sono state la principale fonte di guadagno per la società di Mark Zuckerberg. Fino a questo momento però, non vi erano stati gravi problemi. E questo per via della mancanza della crisi economica ed energetica in corso.

Come tutte le altre aziende anche Meta si è trovata a prendere dei provvedimenti. E quel che viene spontaneo chiedersi è se il taglio di personale sia poi l’approccio giusto a un problema che potrebbe perdurare nel tempo e che di certo non passerà allontanando i lavoratori per un motivo o per un altro dal proprio posto di lavoro.

Tags: facebook
Commenti
  • Ita-Lufthansa, Antitrust europeo chiede di più
    Ancora problemi per l’accordo Ita-Lufthansa. Non bastava il rimandare la deadline: adesso arriva anche ennesima fumata grigia dopo l’incontro faccia a faccia con la responsabile della Commissione europea. Le richieste della Commissione a Ita e Lutfthansa Non sembra infatti essere finito nel migliore dei modi l’incontro tra Giancarlo Giorgetti e Margrethe Vestager. Anche semplicemente basandosi […]
  • Amazon, accordo con Telefonica per cloud
    Amazon si lancia nel mercato del 5G grazie a un accordo con Telefonica. Dimostrando ancora una volta di non avere paura di gettarsi in nuove prove. L’accordo tra Amazon e Telefonica Soprattutto con un fatturato alle spalle che gli permette di esplorare nuovi mercati. Questa volta è toccato a quello delle telecomunicazioni ed è inutile […]
  • Ita-Lufthansa, verdetto slitta ancora
    Ancora ritardi per Ita e Lufthansa: è stata spostata ancora una volta la deadline per la decisione della Commissione europea in merito all’acquisizione di quote del vettore italiano da parte dei tedeschi. Decisione Ita-Luffthansa spostata al 4 luglio La nuova data prevista è il 4 di luglio. E chi lo sa che non rappresenti una […]