Offerta di lavoro Kiabi, le posizioni aperte

Si tratta di un'importante occasione per entrare nel mondo della GDO dell'abbigliamento.

di Valentina Cervelli 19 luglio 2018 12:53

Kiabi, nota catena di abbigliamento di origine francese è alla ricerca di personale da inserire nella propria squadra di lavoro, sia per assunzione che con la formula dello stage: vediamo insieme quali sono le opportunità da cogliere e quel che bisogna sapere per candidarsi.

Sono diverse le sedi per le quali è partita la campagna di recruiting: esse sono nello specifico presenti in Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Abruzzo. I posti di lavoro riguardano diversi livelli di carriera e sono rivolti anche  a giovani anche senza esperienza da formare per l’inserimento come capo reparto.

Stage per allievi capo reparto

Tali risorse sono ricercate per le sedi di Bussolengo (Verona), San Giuliano Milanese, Parma e Pescara e la ricerca in questo caso è rivolta a giovani studenti, in possesso di buone capacità di relazionarsi con i clienti e di spirito di iniziativa. Essi dovranno aiutare il proprio reparto a far crescere il fatturato assicurando allo stesso tempo un’ottima accoglienza ed un perfetto trattamento della clientela. Importante: lo stage è di sei mesi, con impegno di 40 ore alla settimana dal lunedì alla domenica, con due giorni di riposo ed un rimborso spese di 600 euro netti.

Assistenti alla clientela

Ricercati per le sedi di Bologna, Nichelino (Torino presso Mondojuve Shopping Center, N.d.R.) e Pescara, i candidati ideali sono persone con diploma di maturità, laurea o laureandi che abbiano già avuto almeno un’esperienza all’interno della grande distribuzione o che per lo meno sappiano utilizzare il registratore di cassa. Importante è la capacità di lavorare in team, di assistere ai clienti e possedere la passione per la moda ed il tessile.

Per candidarsi

Per candidarsi bisogna recarsi della sezione del sito aziendale dedicata alle carriere ed inviare il proprio curriculum vitae attraverso il modulo dedicato.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti