Swisscom, offerta per Vodafone Italia

di Valentina Cervelli 29 Febbraio 2024 17:20

Swisscom fa la sua offerta per Vodafone Italia. Facendo scaturire, al netto dei comunicati presentati da entrambe le parti a riguardo, alcune domande.

Accordo tra Swisscom e Vodafone cosa riguarda

E la maggior parte ovviamente riguardano tutte l’occupazione. Anche se al momento può sembrare troppo presto per discuterne. Entrambe le parti hanno confermato l’essere in corsa di una trattativa di tipo esclusivo.

E il mercato è in attesa di comprendere se a differenza di ciò che è successo con Iliad questa volta Vodafone Italia verrà davvero ceduta. Swisscom ha le idee ben chiare su come muoversi. E la stessa nota rilasciata da Vodafone prima dell’apertura delle Borse il 28 febbraio lo faceva intuire.

L’azienda britannica ha infatti confermato di essere al momento in trattativa esclusiva con Swisscom, conosciuta in Italia perché possiede Fastweb. La società svizzera e Vodafone avrebbero concordato per una acquisizione del 100% delle attività italiane di quest’ultima per un valore aziendale di 8 miliardi di debiti su una base senza debiti e disponibilità liquide.

All’interno della nota si parla di un entreprise value 7,6 volte l’adjusted ebitda after lease previsto dagli analisti: il tutto per quel che riguarda l’anno fiscale 2024 di Vodafone. Il multiplo in questione, lo sottolineiamo, non calcola nell’ebitda after lease circa 97 milioni di voci non-cash e 176 milioni di euro per oneri infragruppo.

Swisscom dal canto suo ha diffuso un comunicato nel quale, presentando l’accordo di massima stabilito, ha ufficializzato la trattativa esclusiva in corso. L’intenzione è quella di fondere Vodafone Italia con Fastweb.

Per la società elvetica tale acquisizione sarebbe in grado di “accrescere il valore e il cashflow di Swisscom” riuscendo a mantenere un rating aziendale alto. Accompagnato da un “impatto positivo sulla politica dei dividendi di Swisscom“.

Importanti obiettivi strategici

Per Swisscom sarebbe così possibile, in questo modo, raggiungere un obiettivo di tipo strategico molto importante, ovvero quello della creazione di valore a lungo termine sul territorio italiano, in piena conformità degli “obiettivi strategici dati del Consiglio Federale“. Dobbiamo infatti ricordare che l’azienda è controllata dal Consiglio federale svizzero, che ne possiede il 51%.

Per quel che riguarda il mercato di riferimento si tratta di un passo decisamente importante quello di Vodafone. E la ragione sta nel fatto che conferma involontariamente la sua volontà di uscire dal mercato italiano. Questo nonostante le voci di potenziali permanenze in minoranza.

A quanto pare Vodafone deve aver stabilito che vendere le attività italiane a Swisscom è la soluzione migliore da perseguire. Detto ciò e nonostante le buone intenzioni non è detto che l’accordo vada effettivamente in porto. Basta pensare a ciò che negli anni è accaduto con Iliad e i suoi tentativi.

Se le due società dovessero trovare un accordo, il tema occupazione diventerà sicuramente uno dei primari da tenere in considerazione.

Tags: vodafone
Commenti
  • Stellantis vuole lasciare l’Italia?
    Stellantis vuole davvero rimanere in Italia? Più volte è stato ribadito che il nostro paese rimane una delle posizioni strategiche del marchio. Il problema? Rimane sempre lo stesso: i fasti della vecchia Fiat sembrano essere decisamente lontani. Stellantis e le uscite volontarie La situazione attuale vede i sindacati schierati da una parte e l’azienda dall’altra […]
  • Smart working, finite le proroghe per i fragili
    Cambia anche lo smart working dal 1° aprile. O meglio cambiano le modalità d’accesso allo stesso perché lo scorso 31 marzo sono scadute le deroghe previste dal periodo pandemico. Cosa accade allo smart working Si trattava di regole che rendevano più semplice richiedere questo specifico approccio al lavoro. Sebbene sia comprensibile dato il cambiamento della […]
  • Al via SACE Flex4Future: insieme verso il lavoro del futuro
    SACE inaugura Flex4Future, un progetto pionieristico destinato a ridefinire il futuro del lavoro attraverso l’introduzione di un modello lavorativo flessibile, basato sulla fiducia reciproca e sull’autonomia dei dipendenti. Questa innovazione fa di SACE la prima entità statale italiana a promuovere un approccio così rivoluzionario, prevedendo tra l’altro l’abolizione dei controlli di presenza e l’adozione di […]