Vivendi, doppia causa contro Mediaset

Ennesimo scontro tra le due società, questa volta in campo europeo.

di Valentina Cervelli 24 Settembre 2019 13:29

Vivendi non ci sta a perdere e dopo il voto dello scorso 4 settembre che ha dato il via libera al riassetto di Mediaset ed alla costituzione della holding olandese “MediaforEurope” (MFE) scopre le sue carte: ha lanciato ben due cause legali contro l’azienda di PierSilvio Berlusconi.

Le cause legali intentate da Vivendi

Se ancora fosse esistito qualcuno convinto che la società di Bollorè si sarebbe placata dopo la perdita all’assemblea, questo ultimo colpo avrebbe chiarito a tutti le idee in maniera definitiva. La prima azione legale è stata avviata a Madrid proprio contro l’incontro dello scorso 4 settembre e la validità della fusione di Mediaset con Mediaset Espana, mentre l’altra causa è stata presentata in Olanda, sede della holding e rivolta ad opporsi contro alcuni punti dello statuto di MFE. Per quest’ultima è già conosciuta la data della prima udienza, fissata per il prossimo 16 ottobre e nello specifico riguarda l’introduzione delle disposizioni previste degli articoli 13, 42 e 43 rispettivamente riguardanti le “azioni di voto speciali“, gli “obblighi degli azionisti”  e la richiesta di offerta obbligatoria presenti nello statuto sociale previsto dal piano di fusione.

La prima udienza della causa depositata in Spagna da Vivendi è prevista tra circa una settimana, il prossimo 2 ottobre.

Dailymotion altro fronte lotta Mediaset-Vivendi

mediaset e vivendi scontro su dailymotion

Sono innumerevoli i fronti legali aperti tra Mediaset e Vivendi: alcuni come quello sulla fallita scalata di Vivendi partendo dall’acquisto di Mediaset Premium sono più conosciuti, altri, come quello riguardante Dailymotion si svolgono quasi inosservati nello sfondo. Ad ogni modo il prossimo 8 ottobre si terrà la prima udienza della causa di appello promossa dal sito aggregatore di video, controllata di Vivendi, che ha deciso di impugnare la sentenza emessa lo scorso 15 luglio dal Tribunale di Roma che ha condannato Dailymotion a pagare  5,5 milioni di euro per l’utilizzo illecito di 995 video Mediaset coperti da diritto d’autore.  In tutto le cause contro la società, in tal senso, sono 7: è stato sistemato che la perdita di tutte potrebbe portare ad un risarcimento superiore ai 200 milioni di euro. Eventualità questa che renderebbe Vivendi ancora più decisa nell’affrontare quella che è ormai da tempo una lotta intestina (e non) con Mediaset.

Uno scontro che difficilmente riuscirà a risolversi sul breve termine e che c’è da scommettere sarà in grado di portare ad entrambe molte problematiche di livello finanziario e societario. Quel che è certo è che in caso di perdita da parte di Vivendi di queste due cause, il risultato raggiunto da Mediaset con Mef presenterà conseguenze sul lungo periodo.

Commenti
  • Cos’è un Real-Time Operating System (RTOS) e Come Funziona?
    Il digitale è ciò che sta facendo evolvere il mondo e l’umanità. È l’attuale rivoluzione, che sicuramente segnerà la storia e porterà a vivere in un contesto sempre più tecnologico ed efficiente. Tali strumenti sono considerati essenziali, ad oggi, soprattutto per la loro precisione e affidabilità, e in questo contesto i Real-Time Operating Systems (RTOS) […]
  • Moda, occupazione in crisi?
    L’occupazione nel mondo della moda è in crisi? La risposta è positiva. Soprattutto per quel che concerne i grandi brand dove negli ultimi mesi sono occorsi diversi licenziamenti per poter rientrare in regime. Crisi occupazionale nel settore della moda In un momento in cui Federmoda fa sapere che l’aver scelto una data unica per i […]
  • Ita, via libera a fusione con Lufthansa
    Ita ottiene finalmente il via libera dall’Unione Europea per la sua fusione con Lufthansa. Una situazione che sembrava essere in pericolo nei mesi scorsi si è risolta positivamente, concedendo la possibilità di chiusura dell’accordo tra le parti. Cosa succede ora con Ita Come già si sa Ita Airways cederà il suo 41%, per il momento, […]