Ita Airways, Lufthansa pronto a entrare

Lufhtansa starebbe per presentare la sua offerta vincolante per la compagnia.

di Valentina Cervelli 4 Gennaio 2023 16:11
Spread the love

Lufthansa è pronta a entrare in Ita Airways. Con molta probabilità a breve vedremmo concludersi la prima privatizzazione del governo Meloni, chiedendoci ancora una volta se sia questa la mossa giusta.

Finalmente Ita Airways privatizzata?

In questi ultimi anni abbiamo visto Lufthansa presentarsi più volte alle porte della compagnia, non trovando mai però le basi per poter entrare in Ita Airways come avrebbe voluto. Viene quindi spontaneo chiedersi se questa sarà davvero la volta giusta. Da quel che si evince da indiscrezioni stampa almeno nella prima fase il Governo manterrà una quota tra il 60% e il 65%. I patti parasociali daranno poi comunque all’Esecutivo di avere l’ultima parola sulle scelte strategiche.

Qualcosa che fa parte del Dpcm appositamente varato poco prima delle feste natalizie. Lufthansa avrà la guida operativa e per assicurarsi questo metterà sul tavolo tra i 250 e i 300 milioni di euro. Corrispondenti al 35%-40% del capitale di Ita Airways.

Grazie al decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale non vi sono più problematiche tecniche da affrontare. Ciò che ancora non è chiaro è se sia partita dalla Germania la comunicazione contenente i dettagli dell’offerta vincolante. Sembra però che al ministero del Tesoro la situazione sia ben definita e che l’operazione dovrebbe essere finalizzata entro la prima metà di gennaio.

Da quel momento in poi la mano passerà all’Antitrust e alla Commissione Europea. Lufthansa è praticamente rimasto l’unico operatore in gioco all’interno della data room. Il Mef sottolinea che in questi giorni la parola d’ordine è riservatezza. Facendo sapere che l’aumento di capitale legato all’ingresso di Lufthansa in Ita Airways sarà riservato. Come già anticipato dalle indiscrezioni, prima attraverso una quota di minoranza poi seguendo un percorso graduale di crescita ben definito.

Lufthansa pronta ad offerta

alitalia e l'interesse di lufthansa

Un approccio che almeno su carta dovrebbe garantire i livelli occupazionali, la valorizzazione di scali come Fiumicino e Malpensa e in generale lo sviluppo della rete internazionale. Ragione per la quale si pensa di confermare i vertici attuali della compagnia aerea, anche a fronte di una società gestita proprio come piace ai tedeschi. Va ricordato infatti che manutenzione e handling sono stati ceduti e i contratti di lavoro sono tra i più bassi del mercato.

I tedeschi hanno comunque già dato il via libera all’aumento della flotta che darà modo a Ita Airways di diventare entro il 2026 la compagnia più green d’Europa. Ciò che ha spinto Lufthansa a volere ancora una volta a far parte del vettore è stato il modo in cui Fabio Lazzerini e i suoi collaboratori hanno gestito la newco in questo primo anno. La compagnia ha infatti trasportato circa nove milioni di passeggeri con un indice di regolarità al 99, 9%, posizionandosi al vertice nella classifica mondiale.

Tags: ita
Commenti