Ita-Lufthansa, Antitrust europeo chiede di più

di Valentina Cervelli 15 Maggio 2024 15:18

Ancora problemi per l’accordo Ita-Lufthansa. Non bastava il rimandare la deadline: adesso arriva anche ennesima fumata grigia dopo l’incontro faccia a faccia con la responsabile della Commissione europea.

Le richieste della Commissione a Ita e Lutfthansa

Non sembra infatti essere finito nel migliore dei modi l’incontro tra Giancarlo Giorgetti e Margrethe Vestager. Anche semplicemente basandosi sull’assenza delle formule di rito post incontro che di solito vengono scambiate tra le parti.

Uscendo dall’incontro Giancarlo Giorgetti ha semplicemente confermato che l’Italia e di conseguenza Ita ha ribadito la propria posizione alla Commissione europea. E che al momento aspetterà la decisione in arrivo entro il prossimo 4 luglio.

Alla decisione mancano ancora due mesi e volendo quindi, in caso di bisogno, potrebbe esserci ulteriore spazio di miglioramento. Indiscrezioni vorrebbero che a differenza di ciò emerso alla “consegna”, il pacchetto con gli slot e sulle rotte non sarebbe ancora sufficiente a dipanare tutti i dubbi dell’Antitrust europeo.

La scorsa settimana Lufthansa si era detta soddisfatta delle modifiche apportate. Una mancata conclusione dell’accordo con Ita in base alla decisione della Commissione europea avrebbe importanti ripercussioni sono l’occupazione e sul futuro economico della compagnia.

Dobbiamo anche sottolineare che sia Ita che Lufthansa sembrano pronte a presentare ulteriori miglioramenti per riuscire nella fusione. Giorgetti si è trattato del secondo incontro con la responsabile della concorrenza negli ultimi 15 giorni. Il problema riguarderebbe principalmente lo scalo di Linate e il rispetto concorrenziale dei suoi slot.

Si necessita una soluzione più severa

Rumors vogliono che non vi sia ancora una soluzione considerata solida in tal senso. La proposta di Ita e Lufthansa in tal senso non sarebbe considerata ancora sufficiente. Tanto quanto come il compromesso presentato per quel che concerne le rotte a lungo raggio e quelle a corto raggio riguardanti i collegamenti tra l’Europa centrale e l’Italia.

E come se da parte dell’Antitrust europeo mancasse la fiducia nei due vettori. Anche il congelamento temporaneo dell’alleanza tra le due compagnie per quel che riguarda i collegamenti da Fiumicino per gli Stati Uniti e il Canada non convince. Più che altro per il fatto che Lufthansa possegga già un’ampia fetta di mercato in tal senso con la joint venture con Air Canada e United Airlines.

Assolutamente, ma non troppo, servirà altro tempo per trovare una decisione. Ita e Lufthansa devono capire come gestire queste criticità. E se i vettori si lamentano di dover avere sempre pazienza in questo tipo di operazione, Bruxelles fa sapere che il tempo c’è per sistemare. Sono le parti a dovere avere volontà di risolvere.

Tags: ita
Commenti
  • Nvidia supera Microsoft e Apple, vale di più
    Nvidia supera Microsoft e Apple in quanto a valore assoluto. Un sorpasso che non ci aspettavamo. O forse sì, se pensiamo agli ultimi mesi del colosso di produzione microchip. La crescita incredibile di Nvidia Il suo valore è attualmente pari a 3.332 miliardi di dollari, dopo un mese nel quale questo è cresciuto di circa […]
  • Stellantis sospende gigafactory a Termoli
    Stellantis sospende il progetto della gigafactory a Termoli. Ci stupisce? Più che altro lo temevamo dopo gli ultimi mesi di stallo nell’intero comparto. Sindacati duri con Stellantis A darne notizia sono i sindacati dopo che la joint venture tra Stellantis, Mercedes e Total conosciuta anche sotto il nome di Automotive Cells Company, ha fatto sapere […]
  • Lufthansa, ancora un’offerta all’Ue per Ita
    Lufthansa non demorde ancora. O almeno cerca di non farlo presentando l’ennesima offerta all’Antitrust europeo per l’acquisizione di Ita Airways. Ancora un tentativo di Lufthansa La scadenza di luglio si fa sempre più vicina e sono in diversi a pensare che possa trattarsi dell’ultima spiaggia, per Lufthansa e il vettore italiano, di riuscire a convincere […]