Thello ricerca macchinisti per i suoi treni

L'azienda offre contratto a tempo indeterminato dopo una formazione di 12 mesi.

di Valentina Cervelli 11 Aprile 2018 17:37

La Thello è alla ricerca di nuovi macchinisti da inserire nel proprio organico. L’azienda, parte del gruppo delle Ferrovie dello Stato, è alla ricerca di personale per migliorare i suoi collegamenti tra l’Italia e le principali città francesi.

La Thello è infatti un’azienda francese (controllata totalmente da Trenitalia, N.d.R.) che gestisce i servizi ferroviari per passeggeri a lunga percorrenza tra la Francia e l’Italia.

Macchinisti

Al momento il vettore ha aperto la sua campagna di recruiting per ciò che riguarda diversi macchinisti che dovranno lavorare sul territorio francese: la cosa interessante è che l’esperienza, seppur apprezzata, non è requisito necessario dato che l’azienda offrirà a chi riterrà idoneo una formazione dedicata per 12 mesi, spesata e retribuita ogni mese con 1500 euro.

Finito il periodo dell’apprendimento ed entrati nell’organico in modo ufficiale le risorse verranno assunte con un contratto a tempo indeterminato full-time di 35 ore settimanali, previo superamento della visita medica e dei test psico-attitudinali con uno stipendi mensile di 2700 euro.

Requisiti

Sono due e specifici i requisiti richiesti da Thello per candidarsi a questa offerta di lavoro per macchinisti:

  • buona conoscenza dell’italiano e del francese (livello B2);
  • diploma elettrotecnico e/o meccanico.

Per candidarsi

Per candidarsi al’offerta di lavoro per macchinisti in Thello è necessario recarsi sulla pagina web dedicata dell’azienda entro il prossimo 24 aprile, avendo cura di seguire le indicazioni messe a disposizione. Il vettore è spesso  alla ricerca di personale da inserire all’interno del suo organico: è quindi consigliato di verificare spesso la sua pagina delle carriere.

Se si verrà ritenuti idonei, sarà l’azienda stessa ad entrare nuovamente in contatto.

Commenti
  • Stellantis vuole lasciare l’Italia?
    Stellantis vuole davvero rimanere in Italia? Più volte è stato ribadito che il nostro paese rimane una delle posizioni strategiche del marchio. Il problema? Rimane sempre lo stesso: i fasti della vecchia Fiat sembrano essere decisamente lontani. Stellantis e le uscite volontarie La situazione attuale vede i sindacati schierati da una parte e l’azienda dall’altra […]
  • Smart working, finite le proroghe per i fragili
    Cambia anche lo smart working dal 1° aprile. O meglio cambiano le modalità d’accesso allo stesso perché lo scorso 31 marzo sono scadute le deroghe previste dal periodo pandemico. Cosa accade allo smart working Si trattava di regole che rendevano più semplice richiedere questo specifico approccio al lavoro. Sebbene sia comprensibile dato il cambiamento della […]
  • Al via SACE Flex4Future: insieme verso il lavoro del futuro
    SACE inaugura Flex4Future, un progetto pionieristico destinato a ridefinire il futuro del lavoro attraverso l’introduzione di un modello lavorativo flessibile, basato sulla fiducia reciproca e sull’autonomia dei dipendenti. Questa innovazione fa di SACE la prima entità statale italiana a promuovere un approccio così rivoluzionario, prevedendo tra l’altro l’abolizione dei controlli di presenza e l’adozione di […]