Bonus giovani agricoltori 2024, cosa è

di Valentina Cervelli 22 Aprile 2024 11:07

Cosa è il bonus per giovani agricoltori 2024? In realtà parliamo di tutta una serie di agevolazioni rivolte principalmente ai giovani under 40. Alcuni sono già disponibili e altri di nuova attuazione sono ancora in fase di attivazione.

Ecco le misure del bonus giovani agricoltori 2024

Il bonus giovani agricoltori 2024 raccoglie misure di supporto a coloro che decidono di operare nel settore agricolo o sviluppare in maniera innovativa la propria azienda.

E’ la Legge n. 36 del 15 marzo 2024, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 72 del 26 marzo che consente, soprattutto agli under 40 di richiedere agevolazioni, incentivi e aiuti per una migliore gestione della propria azienda agricola o per l’avvio della stessa.

Sono definiti dalla norma, “impresa giovanile agricola” e “giovane imprenditore agricolo” le entità commerciali e i singoli imprenditori che operano esclusivamente nell’ambito agricolo, secondo quanto stabilito dall’art. 2135 del Codice civile

La prima misura del bonus giovani agricoltori 2024 è la possibilità di scegliere per un regime fiscale agevolato rappresentato dal pagamento di una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi, delle relative addizionali e dell’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP), pari al 12,5% della base imponibile costituita dal reddito d’impresa prodotto nel periodo d’imposta.

Ovviamente questa applicazione è limitata a quella attività agricole che non rientrano nel regime forfettario in base all’art. 31 del TUIR per un totale di cinque anni.

Vi è poi anche il credito d’imposta per le spese sostenute per la partecipazione a corsi di formazione rivolto ai giovani imprenditori agricoli di età compresa tra i 18 e i 40 anni, che hanno avviato la propria attività dal 1° gennaio 2021. Tale credito, pari all’80% delle spese documentate del 2024 riguarda fino a un massimo di 2500 euro annui. Esso può essere usato esclusivamente in compensazione tramite modello F24, entro il secondo periodo d’imposta successivo a quello in cui le spese sono state sostenute.

Non solo agevolazioni ma anche prestiti

Una ulteriore agevolazione è previsa per l’ampliamento delle superfici coltivate, rivolta agli under 40 previdenzialmente riconosciuti come coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali. Nel caso di acquisto o permuta di terreni agricoli e relative pertinenze, dovranno versare le imposte di registro, ipotecaria e catastale solo per il 60% delle aliquote ordinarie o ridotte previste.

Tra le iniziative del bonus giovani agricoltori 2024 vi è anche l’autorizzazione all’ISMEA o Istituto di servizi per il Mercato Agricolo Alimentare di concedere prestiti cambiari alle PMI del settore ortofrutticolo e agricolo. Si parla di prestiti di importo massimo pari al 50% dei ricavi registrati dal richiedente nel 2022, con un limite massimo di 30.000 euro. Il rimborso delle rate è previsto 27 mesi dopo l’erogazione per un periodo massimo di cinque anni.

Tags: italia
Commenti
  • Nvidia supera Microsoft e Apple, vale di più
    Nvidia supera Microsoft e Apple in quanto a valore assoluto. Un sorpasso che non ci aspettavamo. O forse sì, se pensiamo agli ultimi mesi del colosso di produzione microchip. La crescita incredibile di Nvidia Il suo valore è attualmente pari a 3.332 miliardi di dollari, dopo un mese nel quale questo è cresciuto di circa […]
  • Stellantis sospende gigafactory a Termoli
    Stellantis sospende il progetto della gigafactory a Termoli. Ci stupisce? Più che altro lo temevamo dopo gli ultimi mesi di stallo nell’intero comparto. Sindacati duri con Stellantis A darne notizia sono i sindacati dopo che la joint venture tra Stellantis, Mercedes e Total conosciuta anche sotto il nome di Automotive Cells Company, ha fatto sapere […]
  • Lufthansa, ancora un’offerta all’Ue per Ita
    Lufthansa non demorde ancora. O almeno cerca di non farlo presentando l’ennesima offerta all’Antitrust europeo per l’acquisizione di Ita Airways. Ancora un tentativo di Lufthansa La scadenza di luglio si fa sempre più vicina e sono in diversi a pensare che possa trattarsi dell’ultima spiaggia, per Lufthansa e il vettore italiano, di riuscire a convincere […]